Amministrazione di sostegno, rifiuto o opposizione alla nomina

«In tema di amministrazione di sostegno, nel caso in cui l’interessato «sia persona pienamente lucida che rifiuti il consenso o, addirittura, si opponga alla nomina dell’amministratore, e la sua protezione sia già di fatto assicurata in via spontanea dai familiari o dal sistema di deleghe (attivato autonomamente dall’interessato), il giudice non può imporre misure restrittive della sua libera determinazione, ove difetti il rischio una adeguata tutela dei suoi interessi, pena la violazione dei diritti fondamentali della persona, di quello di autodeterminazione, e la dignità personale dell’interessato». Così Corte di Cassazione, sezione prima civile, sentenza 27 settembre 2017, n. 22602.

 


Per informazioni e chiarimenti, puoi utilizzare questi moduli per:

    richiedere informazioni
    richiedere un preventivo
    richiedere un parere legale on-line
    prenotare un appuntamento
    consultare altre materie

I consigli ed i commenti sono bene accetti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *