La guida in stato di ebbrezza ed il lavoro di pubblica utilità

Gli articoli 186 e 187 del Codice della Strada prevedono e puniscono come reato la guida in stato di ebbrezza e guida in stato di alterazione psico-fisica per uso di sostanze stupefacenti nonché il reato di rifiuto di sottoporsi ai relativi accertamenti. In Italia, il limite alcoolemico è di 0,5 grammi per litro e “tolleranza zero” per i conducenti professionali e per i neopatentati (e di chi ha meno di 21 anni di età). In caso di condanna per uno di questi reati, il giudice può disporre la sostituzione della pena detentiva e/o pecuniaria col lavoro di pubblica utilità ai sensi dell’articolo 54 del Decreto Legislativo del 28 agosto 2000, n. 274, purché l’imputato non si opponga. Nella pratica però – prassi consolidata anche nel Tribunale di Ancona – è oppurtuno manifestare al giudice per il tramite di un difensore la propria intenzione di svolgere i lavori di pubblica utilità anche con una formale richiesta, prima che sia pronunciata la sentenza di condanna. Il lavoro di pubblica utilità consiste nella prestazione di un’attività non retribuita a favore della collettività da svolgere, in via prioritaria, nel campo della sicurezza e dell’educazione stradale presso lo Stato, le regioni, le province, i comuni o presso enti o organizzazioni di assistenza sociale e di volontariato appositamente individuati.

Sebbene le norme in questione prevedono che i lavori debbano essere svolti nell’ambito della provincia di residenza, la Corte Costituzionale tuttavia ha ammesso il lavoro di pubblica utilità anche fuori dalla provincia di residenza (Corte Cost., sentenza del 5 luglio 2013, n. 179). Se i lavori sono svolti positivamente dal condannato, quest’ultimo ottiene i seguenti benefici: il reato viene dichiarato estinto; il periodo di sospensione della patente viene dimezzato; la confisca del veicolo viene revocata. L’ufficio esecuzione penale (UEPE), su incarico del giudice, ha il compito di verificare il corretto svolgimento dei lavori, in collaborazione con l’Ente interessato e la polizia incaricata al controllo. Se il condannato svolge positivamente i lavori, il giudice fisserà un’udienza, in cui dichiarerà l’estinzione del reato, nonché la revoca della confisca e la riduzione a metà del periodo di sospensione della patente. Se invece il condannato viola gli obblighi connessi ai lavori di pubblica utilità, verranno ripristinate le pene sostituite.

Per informazioni e chiarimenti, puoi utilizzare questi moduli per:

    richiedere informazioni
    richiedere un preventivo
    richiedere un parere legale on-line
    prenotare un appuntamento
    consultare altre materie

I consigli ed i commenti sono bene accetti.